Allenamento a Colori, avrai una marcia in più!

Avete mai pensato a quanti “giri” sta andando il vostro cuore?

Monitorare la frequenza cardiaca durante l’allenamento è molto importante a prescindere dalla tipologia di attività svolta (in sala attrezzi o nei corsi a corpo libero) e dalla propria forma fisica per essere più consapevoli di come ci si sta allenando e per capire se l’intensità dell’allenamento è funzionale ai propri obiettivi. Qualunque sia il tuo obiettivo, dimagrire, migliorare una performance o anche solo semplicemente mantenersi in forma, per ottenerlo è necessario sapere entro quali limiti lavorare ottimizzando così l’efficacia delle sessioni di allenamento. Qualunque sia il tuo obiettivo, dimagrire, migliorare una performance o anche solo semplicemente mantenersi in forma, per ottenerlo è necessario sapere entro quali limiti lavorare ottimizzando così l’efficacia delle sessioni di allenamento.

Il primo passo è quello di scaricare la app Uptivo e utilizzare il cardiofrequenzimetro personale.
Il cardiofrequenzimetro ti dà la frequenza cardiaca come indicatore dell’intensità di allenamento che stai svolgendo tramite un calcolo automatico stabilito dal sistema inserendo i tuoi dati personali: peso altezza età e sesso. Da questo calcolo ne consegue l’individuazione degli intervalli di frequenza cardiaca a cui fanno riferimento le diverse zone utilizzate (vedi immagine sotto) per la gestione di un corretto allenamento e del funzionamento e stimolazione del metabolismo energetico del corpo umano, di cui le zone vogliono essere rappresentazione fedele.
Comprendere il significato delle cinque principali zone di frequenza cardiaca è fondamentale per svolgere l’attività nel miglior modo possibile ed in base al personale obiettivo di allenamento.

Ti interessa leggere tutto questo approfondimento?

Lo trovi al pagina 14 del nostro Magazine!

Allenamento a Colori in Acqua!

Da qualche anno stavamo cercando la strategia giusta per poter rendere gli allenamenti in acqua misurabili e monitorabili in modo istantaneo da Voi che frequentate i corsi di acquagym e aquadynamic, così da riuscire istantaneamente a sapere se il tipo di esercizio che si sta svolgendo è eseguito con la giusta intensità o se è necessario aumentarla.

Questo da ora in poi sarà possibile utilizzando uno strumento di ultima generazione che con un semplice e veloce ‘colpo d’occhio’ ci permette di capire se il lavoro che stiamo eseguendo rientra nel “range” di lavoro ottimale per ottenere un incremento del nostro metabolismo. Questo strumento è uno speciale cardiofrequenzimetro da braccio (UPTIVO) che, opportunamente collegato alla sua App dedicata, con inseriti i nostri parametri di peso, altezza ed età, ci consente di monitorare momento per momento il nostro allenamento.

Il cardiofrequenzimetro UPTIVO si indossa nel braccio o nell’avambraccio sinistro, e attraverso dei led che si illuminano di vari colori ci rende immediatamente possibile correggere il tiro della nostra intensità di esecuzione. Nel dettaglio: la luce azzurra indica un lavoro di intensità bassa (poco utile al fine di raggiungere un buon grado di allenamento); la luce verde indica un lavoro di intensità media che se mantenuta per larga parte della lezione, insieme alla luce arancione indica che stiamo lavorando nella fascia di intensità corretta per far sì che il nostro lavoro sia lipolitico e cioè vada a bruciare i fastidiosi ed antiestetici grassi in eccesso accumulati nel nostro corpo; infine la luce rossa indica che siamo in una fascia di lavoro troppo elevata, che non ci aiuta a raggiungere il nostro scopo di aumentare il metabolismo, ma risulta non efficiente.
Riuscire a mantenere il “range” di lavoro con il colore VERDE e soprattutto quello ARANCIONE il più a lungo possibile in ogni allenamento, determina la possibilità di incrementare il nostro metabolismo basale, permettendoci di bruciare un numero superiore di calorie a riposo. Questo incremento del metabolismo continua, quindi, anche dopo l’allenamento la sua azione lipolitica, rendendo il nostro corpo sempre più tonico e in salute.
Tutti i tuoi allenamenti verranno salvati sull’apposita app UPTIVO con tutti i dati necessari a capire dove sono i margini di miglioramento delle tue performance in acqua.

Ti interessa leggere tutto questo approfondimento?

Lo trovi al pagina 09 del nostro Magazine!

Mettere il Turbo al Metabolismo

Tra i tanti corsi attivati negli ultimi mesi, ce n’è uno che sta riscuotendo un enorme successo dovuto al fatto che si tratta di un allenamento breve, facile e che offre ottimi risultati.

È il TURBOMET, nome scelto per indicare la sua capacità di “mettere il turbo” al nostro metabolismo. Ma perché è importante alzare il metabolismo? Quali sono le cause e le
conseguenze di un suo rallentamento e cosa possiamo fare per farlo ripartire?

Innanzi tutto è bene ricordare che il metabolismo è la velocità con cui il nostro corpo brucia le calorie per soddisfare i suoi bisogni vitali, va da sé che un metabolismo lento non brucerà tutte le calorie ingerite che rimarranno di deposito aumentando il grasso corporeo.

Senza entrare troppo nello specifico possiamo affermare che le maggiori cause di un suo rallentamento sono:
– L’età, si assiste ad un calo già dopo i 30 anni.
– La mancanza di attività fisica a favore di uno stile di vita sedentario.
– Una composizione corporea sbilanciata, il muscolo è un tessuto più attivo metabolicamente rispetto al grasso.
– Il sesso, l’uomo avendo una massa muscolare maggiore rispetto alla donna presenta un metabolismo basale più elevato.

Cosa possiamo fare per contrastare il rallentamento del metabolismo visto che certi aspetti come l’età e il sesso non sono modificabili?

Dobbiamo naturalmente lavorare sugli aspetti che andranno ad incrementare il nostro bisogno energetico e per fare questo dovrò concentrarmi sull’aumento del mio metabolismo basale grazie soprattutto all’attività fisica.
Per migliorare il metabolismo basale è indispensabile aumentare la massa magra e quindi i miei muscoli che sono in grado di bruciare più calorie rispetto al grasso, andando in questo modo ad alzare il mio consumo calorico.

E’ su questo che si basa la struttura del Turbomet, un’attività a circuito ad alta intensità che mi permette non solo di bruciare calorie nel momento stesso in cui lo pratico ma di continuare a bruciare calorie anche nelle ore successive sfruttando al massimo quello che viene chiamato “effetto metabolico”. I dubbi che ora tutti potrebbero avere sono di sapere quand’è che si realizza questo maggior consumo calorico e come fare, magari da inesperto a compiere un’attività ad alta intensità.

Bene, ad aiutarci in queste risposte ci viene in soccorso la tecnologia. Ogni partecipante è dotato di un cardiofrequenzimetro, appositamente tarato sui dati dell’utente come età, peso, altezza e sesso.

Questo ci permette di monitorare su di un maxischermo la frequenza cardiaca di ogni partecipante e per renderla facilmente leggibile ed interpretabile a diverse frequenze corrispondono diversi colori. Il Blu al di sotto del 70% del proprio cuore, il Verde tra il 70 e l’80%, l’arancione tra l’80 e il 90%, il Rosso sopra il 90%.

Ti interessa leggere tutto questo approfondimento?

Lo trovi al pagina 13 del nostro Magazine!

Seguici

Allenati con noi

Vuoi saperne di più?

Lasciaci i tuoi dati e ti ricontatteremo per un appuntamento dedicato!

Nome(Obbligatorio)
ORA IN CUI VUOI ESSERE CONTATTATO(Obbligatorio)
:
Consenso(Obbligatorio)